Bonus TV-decoder e bonus rottamazione TV 2021

Bonus TV: tutto quello che c'è da sapere!

Da ottobre 2021 avverrà l’introduzione del nuovo digitale terrestre, le reti televisive si adegueranno al nuovo standard di trasmissione e codifica DVBT-2 HEVC., il completamento è previsto per il 1° gennaio 2023.

Dal 1 gennaio 2022 questa transizione sarà invece obbligatoria per tutte le emittenti, questo significa che senza un dispositivo compatibile non si riuscirà più a vedere le trasmissioni televisive, chi ha un televisore molto vecchio (comprato prima del 22 dicembre 2018) non potrà vedere tutti i canali tv.

Con questa evoluzione tecnologica che prevede l’utilizzo di nuovi televisori o decoder il governo ha previsto degli incentivi.

Sono infatti disponibili due incentivi:

  • Bonus TV-decoder
  • Bonus rottamazione-TV

Entrambi prevedono uno sconto sul prezzo d’acquisto, fino ad un importo massimo di 30 euro per il primo e di 100 euro il secondo. Le agevolazioni sono cumulabili tra loro e sono valide fino al 31 dicembre 2022.

Cos’è e come funziona

Vediamo nel dettaglio come funzionano entrambi gli incentivi.

Il bonus tv-decoder è partito il 18 dicembre 2019 e sarà valido fino al 31 dicembre 2022 o fino all’esaurimento delle risorse stanziate. Il valore del bonus tv è di massimo 30 euro: se si acquista un dispositivo che costa meno, il bonus tv coprirà l’intero importo della spesa, invece se il costo supera quella cifra, il bonus tv coprirà la spesa fino a cinquanta euro.

Bisognerà presentare al rivenditore una richiesta specifica e a tal fine bisogna dichiarare di essere residenti in Italia e di appartenere ad un reddito ISEE che non superi i € 20.000, inoltre gli altri componenti del nucleo famigliare non devono aver usufruito dello stesso bonus.

Puoi leggere anche  Bonus bagno 2021: quali spese copre?

Il bonus rottamazione-tv è invece valido a partire dal 23 agosto 2021 e sarà disponibile fino al 31 dicembre 2022 o all’esaurimento delle risorse stanziate. L’acquisto di un nuovo apparecchio tv si potrà avere solo dopo la rottamazione di uno obsoleto, cioè acquistato prima del 22 dicembre 2018. Anche questo incentivo è riconosciuto sotto forma di sconto, pari al 20% sul prezzo di vendita, fino ad un importo massimo di 100 euro. I vecchi televisori potranno essere rottamati direttamente presso i rivenditori aderenti all’iniziativa dove si effettua l’acquisto.

L’incentivi sono validi su tutti i prodotti compatibili e certificati dal Ministero dello Sviluppo Economico a garanzia di chi acquista, nel sito del Mise trovate tutto il database dei prodotti idonei.

Si dovrà necessariamente acquistare un nuovo televisore?

No, si può tenere il vecchio televisore ma per guardare i nuovi canali tv bisognerà acquistare un decoder.

Con questo nuovo aggiornamento del digitale terrestre, si dovranno cambiare il televisori acquistati prima del 22 Dicembre 2018.

Inoltre se il vostro televisore non ha i loghi DVB-T2 e HEVC/H.265 Main10 o il decoder non ha l’etichetta “Bollino tivù zapper”, dovrete acquistare dei nuovi dispositivi.

 

Il modulo per avere i bonus

Per accedere al bonus tv decoder è necessario scaricare e compilare un modulo di autodichiarazione disponibile sul sito del Mise a questo link in formato PDF. Dovrete presentare poi il modulo al rivenditore per e scegliere un nuovo apparecchio.

Invece per ottenere il bonus rottamazione-tv  bisogna scaricare e compilare il modulo di autocertificazione dal sito del Mise a questo link in formato PDF. Il documento andrà poi consegnato o ai rivenditori da cui si desidera acquistare, che si occuperanno anche del corretto smaltimento dell’apparecchio obsoleto, oppure all’isola ecologica scelta per la rottamazione. In quest’ultimo caso sarà il centro di raccolta RAEE a convalidare il modulo per certificare la consegna del televisore. La certificazione firmata andrà poi consegnata al rivenditore prima dell’acquisto della nuova tv.

Puoi leggere anche  Le detrazioni fiscali per la casa

Affidatevi senza problemi al vostro rivenditore di fiducia che saprà aiutarvi e supportarvi nella richiesta di questi incentivi.