Come e quando seminare il prato

Seminare un prato prevede alcune accortezze importanti da seguire.

Avere un bel prato rigoglioso e ben curato è il sogno di chi ha un po’ di giardino fuori casa. Riuscire a creare un bel manto erboso e verde tutto l’anno non è difficile ma bisogna prestare attenzione ad alcuni passaggi.

Come seminare il prato

Per seminare correttamente un prato bisogna necessariamente preparare il terreno.

La prima fase è quella del diserbo totale del terreno, in modo da debellare in profondità tutte le piante infestanti, altrimenti tra i fili d’erba del nostro prato spunteranno quasi subito altre erbe spontanee e sarà difficile mantenere il manto ordinato. Vi consigliamo di utilizzare diserbanti naturali, più costosi ma innocui per l’uomo e gli animali.

La seconda fase per seminare un prato è quella della vangatura, il terreno dovrà essere vangato per almeno 30 cm di profondità, successivamente bisognerà fresare ulteriormente le zolle e livellare con l’aiuto di un rastrello. In occasione di questi passaggi vi suggeriamo di concimare il terreno con del concime naturale o del compost.

La terza fase prevede la semina, si può optare per l’utilizzo di una seminatrice, un macchinario dotato di un serbatoio da riempire (questi macchinari si trovano anche a noleggio) o farlo a mano. Bisognerà distribuire in maniera uniforme la giusta quantità di semi su tutta l’area interessata. Ultimato lo spaglio del seme il terreno dovrà essere rullato, con appositi rulli da prato, per sistemare il seme bene a contatto con il terreno ed evitare che vento e pioggia spostino i semi.

Ultimate queste operazioni bisogna innaffiare, continueremo a farlo con frequenza, anche più volte al giorno, fino allo spuntare dell’erba. Una volta cresciuti i primi fili d’erba possiamo ridurre la frequenza di irrigazione, anche se fino al primo taglio è bene che sia quotidiana.

Puoi leggere anche  Mobili in giardino: che stile scegliere?

Quando seminare il prato

I periodi migliori per seminare il prato sono essenzialmente due: la primavera e l’autunno. In queste stagioni il clima è abbastanza mite, il clima ideali per far germogliare i semi.

In primavera i mesi migliori per seminare il prato sono marzo e aprile, cercando di scegliere il periodo migliore evitando che ci siano sbalzi di temperatura, facendo attenzione in particolare ad eventuali gelate notturne. Si può quindi procedere alla semina quando la temperatura del suolo rimane stabile sopra i 10 gradi.

In autunno i mesi ideali sono settembre ed ottobre, mesi migliori di quelli primaverili, in quanto il terreno mantiene il calore dell’estate appena trascorsa.

Oltre alla giusta stagione, secondo la tradizione popolare, si dovrebbe seminare con la luna crescente, in questa maniera i semi saranno aiutati dalla fase lunare.

Quando eseguire il primo taglio d’erba

Il primo taglio del prato potrà esser fatto dopo circa un mese dalla comparsa del manto erboso, mantenendo un’altezza di 30-40 mm, successivamente bisognerà tagliare più frequentemente il prato. Il taglio dell’erba si fa a terreno ben asciutto, preferibilmente Al mattino presto o alla sera.

Si consiglia subito dopo il primo taglio, di distribuire un fertilizzante contenente i nutrienti principali per far crescere sano e verde il vostro prato.

Un taglio regolare del manto verde è importante, in quanto infittisce il prato, è consigliabile tagliare l’erba poco e spesso piuttosto che tutta in una volta.

Questi sono i passaggi fondamentali per seminare e far crescere un bel prato.