Pareti a righe? Sì grazie!

Volete rendere davvero unica la parete di una stanza usando le righe? Ecco tutti gli accorgimenti da seguire!

Pensare ed una parete a righe per la propria è l’idea perfetta per decorare in maniera originale e colorata, ma anche per ottenere ottimi “effetti ottici” che vi permetteranno

Indubbiamente le righe, se utilizzate per decorare una parete, fanno la differenza e conferiscono personalità a tutto il contesto, ma bisogna usarle nel modo giusto per ottenere l’effetto desiderato.

Ovviamente si tratta di una scelta…UNA TANTUM: non potete pensare di coprire di righe tutte le pareti della vostra casa, perché stancherebbe e renderebbe tutto troppo pesante. Un consiglio che possiamo darvi è che gli ambienti che più si prestano ad una decorazione a righe della parete sono le zone living o le camere da letto.

Pareti a righe verticali

Non c’è niente di meglio di usare le righe verticali per far sembrare più alta una stanza non altissima: un po’ come succede con i vestiti! Le righe verticali donano l’illusione di rendere l’ambiente più alto e slanciato, a colpo d’occhio la distanza tra pavimento e soffitto sembra aumentare.

Pareti a righe orizzontali

Se il corridoio di casa vostra è troppo stretto o la camera troppo piccola, una soluzione per donare ampiezza agli spazi sono le righe orizzontali. Usate in tinte chiare contribuiscono a rendere più ampi gli spazi stretti e piccoli e dare un effetto di ariosità.

 

Pareti a righe shabby chic

La decorazione a righe per una parete di una stanza arredata in stile shabby chic è particolare e va scelta con cura. Sicuramente vanno privilegiate tinte delicate che si combinano bene con materiali grezzi e lignei o antichi, dal gusto vagamente vintage. Si può optare per soluzioni standard con righe larghe oppure osare con righe di diversa dimensione, ma sempre con colori chiari e senza troppo contrasto.

Puoi leggere anche  Agevolazioni: come funziona l'ecobonus 110%

Pareti a righe larghe o righe sottili

In linea di massima non c’è una regola precisa, molto dipende dal gusto personale, ma è indubbio che usare righe della stessa altezza (siano esse lunghe fino al soffitto o interrotte a metà parete) rende tutto più armonioso e uniforme piuttosto che optare per righe di altezza o larghezza diverse che danno un tocco meno standard. In ogni caso la riga più grande fa sembrare più ampia anche la parete e, di conseguenza, la stanza.

Pareti a righe diagonali o a zig-zag

Pitturare la parete di una stanza con righe diagonali aiuta a nascondere alcuni difetti e imperfezioni, le righe a zig-zag accentreranno l’attenzione e renderanno l’ ambiente vivace e dinamico, una fantasia perfetta per la cameretta dei bambini.

 

Dove fare una parete a righe?

In casa qualsiasi stanza può essere decorata con una parete a righe, se scelte con cura mediando colori e spessore delle righe in base all’ambiente circostante, seguendo una certa coerenza visiva, donano personalità, abbinandosi perfettamente con tutti li stili.

 

Pareti a righe in bagno

Potrebbe sembrare una scelta azzardata ma anche il bagno può essere perfetto per accogliere una parete a righe. In un bagno semplice e dai colori neutri, una parete a righe può decisamente portare quel tono caratterizzante e colorato.

Se però preferite non dipingere le pareti del bagno ma per un discorso pratico volete le piastrelle, potete avere un effetto simile con delle lastre dal formato stretto e lungo, alternando i colori, l’effetto finale sarà praticamente lo stesso.

Quali colori scegliere per le righe?

Molto dipende dal tipo di stanza: se i colori sono a contrasto le righe sono più definite, ma sicuramente vanno abbinate ai colori dell’arredo…o magari si può scegliere di usare più sfumature!

Puoi leggere anche  Incidenti domestici: come evitarli

Pareti a righe fai da te

Ma le righe, può farle solo l’imbianchino? Certo affidarsi ad un professionista vi permette di avere la certezza del lavoro ben fatto…ma se avete una buona manualità, potete tentare anche di fare per conto vostro! Esistono tantissime carte da parati a righe dai colori più vari e della fattura diversa in base alle esigenze, bisogna solo scegliere e poi, stenderla con cura, pazienza e dedizione, senza lasciare bolle d’aria e facendo attenzione alle misure. Chi invece preferisce la pittura, deve munirsi di pittura colorata, pennelli piatti di varia misura, rullo, matita, nastro adesivo, metro e filo a piombo. Una volta stesa la pittura di base, quella della tinta predominante, bisogna aspettare almeno 24 ore che si asciughi e poi prendere bene le misure della parete e calcolare quante righe ci entreranno e segnare i vari punti con la matita tracciando poi le righe aiutandosi con il filo a piombo e contornarle con il nastro adesivo. Stendere la pittura del secondo colore scelto, attendendo che si asciughi per poi rimuovere con attenzione e delicatamente il nastro adesivo.

Ed ecco finita la vostra bellissima parete a righe!